Iguane gemelle

4089.JPG

Una nuova specie di iguana, Brachylophus bulabula, il cui nome deriva dalla parola figiana bula (che significa “ciao”), è stata scoperta nella regione centrale di Fiji. Questa nuova e colorata specie si aggiunge alle altre due iguane conosciute in quella regione, entrambe a grave rischio di estinzione, in quanto collocate nella categoia critically endangered della Red List della IUCN. Questi

Una nuova specie di iguana, Brachylophus bulabula, il cui nome deriva dalla parola figiana bula (che significa “ciao”), è stata scoperta nella regione centrale di Fiji. Questa nuova e colorata specie si aggiunge alle altre due iguane conosciute in quella regione, entrambe a grave rischio di estinzione, in quanto collocate nella categoia critically endangered della Red List della IUCN.

Questi rettili rappresentano un enigma biogeografico, sostengono i ricercatori dell’Australian National University di Camberra che hanno realizzato la scoperta, in quanto le iguane (Famiglia Iguanidae) sono animali originari dell’America Latina. I parenti più stretti di queste specie del Pacifico vivono infatti lontani oltre 5.000 Km, distanza quasi esclusivamente coperta dall’oceano. La loro colonizzazione delle isole del Pacifico è iniziata con l’arrivo di pochi individui in grado di sopravvivere alla lunga traversata oceanica. In seguito, dopo la proliferazione sulla prima isola di approdo, le iguane si sarebbero spostate su isole vicine, adattandosi alle condizioni ambientali locali e differenziandosi, dando origine così a nuove specie.

Lo studio, pubblicato sull’ultimo numero della rivista Philosophical Transactions of the Royal Society B, interamente dedicato alla biodiversità delle isole del Pacifico, ha analizzato il genoma mitocondriale di 61 individui del genere Brachylophus, provenienti da 13 isole, che costituiscono gli arcipelaghi di Fiji, Tonga e Vanuatu. Dall’analisi del mtDNA è risultato che questo genere è costituito da tre specie ben differenziate a livello genetico, anche se sulla base della morfologia si era sempre pensato che le specie di Brachylophus fossero solamente due, Brachylophus fasciatus presente su tutte le isole considerate e Brachylophus vitiensis che vive solo nelle regione occidenatale di Fiji.

L’analisi individua Brachylophus fasciatus come sister group del clade formato da Brachylophus vitiensis e Brachylophus bulabula, la nuova specie individuata: queste ultime sono quasi morfologicamente indistinguibili, ma risultano geneticamente differenziate e riproduttivamente isolate. Possono essere dunque considerate vere e proprie specie gemelle.

Andrea Romano


Riferimenti:
J. Scott Keogh, Danielle L. Edwards, Robert N. Fisher, Peter S. Harlow. Molecular and morphological analysis of the critically endangered Fijian iguanas reveals cryptic diversity and a complex biogeographic history. Philosophical Transactions, Issue Volume 363, Number 1508 / October 27, 2008, pag. 3413-3426

Fonte dell’immagine: Wikimedia Commons