Apologia del creazionismo, in cirillico

Un ortodosso nostalgico russo ha steso uno striscione contro l’evoluzione al Museo di Storia Naturale di Mosca, intitolato a Darwin

Alcuni giorni fa c’è stata una contestazione al Museo di Storia Naturale di Mosca intitolato a Charles Darwin (State Darwin Museum). Non era Lysenko o un qualche stalinista nostalgico. Era un ortodosso nostalgico, che ha steso uno striscione inneggiante al creatore del mondo, ha cantato inni religiosi, e ha dichiarato, ma in questo non è isolato, che la teoria dell’evoluzione sarebbe addirittura “un mito pseudoscientifico”. 
Come si racconta su un giornale USA, CharismaNews (“Russian Orthodox Activists Denounce Evolution at Moscow Museum”), un suo sostenitore riferiva che non avesse le idee del tutto chiare, in quanto era contento di aver fatto “scacco matto” agli atei in occasione 7522° anno dalla creazione del mondo. Già queste dichiarzioni incoerenti aiutano a capire come quasi sempre i creazionisti si illudono di riuscire a mimetizzarsi fra gli antidarwinisti; sempre che riescano a capire la differenza, visto che ci convivono pacificamente.
Da L’Antievoluzionismo in Italia, blog di Daniele Formenti