Archivio autore: Daniele Fanelli

Una mutazione che ci porta molto indietro

Basta una mutazione per renderci “quadrupedi” e incapaci di parlare. In un articolo uscito in questi giorni su International Journal of Neuroscience si descrive una nuova sindrome, scoperta in una famiglia turca. Gli individui affetti sono incapaci di camminare eretti, parlano un primitivo linguaggio di poche centinaia di parole, e sono fortemente ritardati mentalmente (è possibile vederne un breve filmato).

Read more

Nuove prove della nostra comune origine africana

Segnalo l’uscita di un nuovo articolo, co-autore Cavalli Sforza, in cui si descrive la forte correlazione fra distanza geografica e distanza genetica, comparando popolazioni umane di tutto il mondo. Questo studio supporta l’ipotesi che tutte le popolazioni umane si siano differenziate di recente, a partire da un unico ceppo di origine africana. Sohini Ramachandran, Omkar Deshpande, Charles C. Roseman, Noah

Read more

Un “mondo a RNA” più complesso (e plausibile) di quanto si pensava

Nell’ultimo numero di Nature Genetics, un team ungherese-spagnolo composto da Adam Kun, Mauro Santos ed Eörs Szathmary, dimostra che proto-organismi di Acido Ribo-Nucleico (RNA) possono raggiungere complessità più elevate di quanto si ritenesse in precedenza, rinforzando l’ipotesi che agli inizi della vita ci sia stato un “mondo a RNA”. Lo RNA è una molecola fondamentale degli organismi viventi, in cui

Read more

Si sacrifica il dialogo per interessi politici? (Lettera dei biologi evoluzionisti austriaci)

La recente dichiarazione dell’arcivescovo di Vienna, cardinale Schönborn, che “chiarifica” la posizione cattolica sull’evoluzione, è sconcertante. Schönborn, uno stretto alleato di Papa Benedetto XVI, dichiara che “l’evoluzione concepita in senso neo-darwiniano non è vera” e che “ci sono prove schiaccianti dell’esistenza di un disegno in biologia”, allineando così la Chiesa Cattolica con il movimento dell’Intelligent Design. La strategia è familiare.

Read more

Più che una grossa salamandra, Ichthyostega sembrava una piccola foca

Descritto da alcuni come un “pesce a quattro zampe”, Ichthyostega è uno dei più antichi anfibi che colonizzarono le terre emerse nel tardo Devoniano. Basandosi su frammenti di diversa provenienza, i paleontologi precedenti descrivevano questo animale come simile a una grossa salamandra (vedi un esempio), ma nell’ultimo numero di Nature, un team di ricercatori Britannici e Svedesi propone una ricostruzione

Read more

Negli USA, due cittadini su tre vogliono “insegnare la controversia“

Secondo una inchiesta fatta lo scorso Luglio dal Pew Research Center, un centro indipendente di indagini statistiche, ben il 42% degli statunitensi pensa che la vita sulla Terra sia sempre esistita nella forma in cui la osserviamo oggi. I maggiori sostenitori del creazionismo sono gli evangelisti protestanti, il 70% dei quali non crede all’evoluzione, contro un 30%-31% fra i protestanti

Read more

Nuove specie di tartaruga scoperte nelle Galapagos

Quando Darwin visitò le Galapagos, fu molto ispirato dall’osservazione di un funzionario locale, che poteva dire con certezza da quale isola provenisse una tartaruga gigante, in base a piccole caratteristiche del guscio. A distanza di 170 anni, grazie alle moderne tecniche di analisi genetica, si è scoperto che la popolazione di tartarughe di una di queste isole, quella di Santa

Read more

Gli scimpanzé sono dei conformisti, come noi

Chi più e chi meno, tutti noi parliamo, ci vestiamo e ci comportiamo in modo simile alle persone che frequentiamo, e adesso è dimostrato che non siamo i soli. Un esperimento pubblicato in questi giorni su Nature indica che, nei gruppi scimpanzé, le conoscenze individuali si diffondono per imitazione, e formano una tradizione di gruppo che si mantiene grazie al

Read more

Si allargano i confini della vita: i batteri vivono anche 400 metri sotto il fondo dell’oceano

La capacità di adattamento della vita sembra quasi non avere limiti. Pochi mesi fa, un gruppo di ricercatori tedeschi ha scoperto colonie di batteri che vivono in strati di sedimento estratti ad oltre 400 metri sotto il fondo dell’oceano, dove sono sottoposti a temperature molto basse e pressioni elevatissime. I sedimenti depositati sul fondo dei mari coprono circa il 70%

Read more

La sopravvivenza del più furbo: contro l’Intelligent Design vale più uno slogan che cento dati scientifici

I sostenitori dell’Intelligent Design (ID), quando non del puro e semplice creazionismo, vedono aumentare costantemente il loro potere, grazie ad una sapiente strategia di marketing, che non ha niente a che vedere con il dibattito scientifico. Per difendere la scienza e la ragione, abili “PR” e scaltri oratori saranno più utili dei buoni scienziati. Il numero del 9 Luglio della

Read more

Le tre leggi fondamentali dell’evoluzione

I fisici ricercano da anni una possibile “teoria del tutto”, ma biologi ed evoluzionisti non sono da meno. In un articolo apparso di recente su Physics of Life Reviews, il Prof. Ping Ao dell’Università di Washington, Seattle, propone una nuova e più completa formulazione matematica dei principi di evoluzione darwiniana. Come tutti sappiamo, l’evoluzione avviene mediante una combinazione di “caso

Read more

Le basi genetiche della microcefalia ci raccontano l’evoluzione del nostro cervello

Come l’uomo abbia evoluto il suo grande e complesso cervello è tuttora un mistero, e i geni coinvolti nella microcefalia, una malattia genetica che impedisce all’encefalo di raggiungere dimensioni normali, ci aiuteranno a risolverlo. In un articolo comparso di recente su Nature Reviews Genetics, tre ricercatori dell’Università di Chicago rivedono gli studi più recenti, che mostrano come i geni che

Read more

I maschi producono i maschi, le femmine fanno altre femmine, e tutti e due fanno le operaie: una specie di formica oppure due?

Sulla rivista Nature è riportata in questi giorni la scoperta, nella formica Wasmannia auropunctata, di un meccanismo di riproduzione mai osservato prima: le femmine clonano sé stesse, mentre i maschi producono altri maschi identici a loro, parassitando le uova delle regine. Nelle formiche, come nella maggior parte degli Imenotteri, i maschi e le femmine sono determinati con un sistema detto

Read more