Avere cervello allunga la vita

I mammiferi con il cervello di grosse dimensioni in relazione alla taglia corporea vivono più a lungo. Questa è la conclusione di uno studio comparativo, condotto su 493 specie di mammiferi e pubblicato sulla rivista Journal of Evolutionary Biology. Un grosso cervello comporta un ingente costo, legato al tempo necessario per lo sviluppo: le specie con encefalo di grosse dimensioni,

I mammiferi con il cervello di grosse dimensioni in relazione alla taglia corporea vivono più a lungo. Questa è la conclusione di uno studio comparativo, condotto su 493 specie di mammiferi e pubblicato sulla rivista Journal of Evolutionary Biology.

Un grosso cervello comporta un ingente costo, legato al tempo necessario per lo sviluppo: le specie con encefalo di grosse dimensioni, infatti, lo sviluppo cerebrale si protrae per un periodo molto lungo, rendendo i cuccioli dipendenti dai genitori e imponendo ad essi un surplus di cure parentali. Inoltre, il mantenimento di un cervello di grosse dimensioni impone ingenti costi metabolici. Nonostante questi costi, tale caratteristica porta con sè anche numerosi vantaggi, come la possibilità di adottare comportamenti flessibili in modo tale da poter regolare il proprio comportamento a seconda delle situazione e la capacità di apprendere velocemente.

A questi benefici si aggiunge oggi la possibilità di vivere più a lungo rispetto a specie affini (o della medesima taglia), con gli evidenti vantaggi di avere maggiori chances riproduttive. Se si pensa che spesso la fitness viene misurata come una funzione della sopravvivenza e della fecondità dei singoli individui, il fatto di incrementare notevolmente il primo fattore si traduce in un incremento del successo riproduttivo.

Lo studio ha incluso membri di tutte le famiglie di mammiferi note, dai piccoli roditori fino ai colossali cetacei, e ha preso in considerazione numerosi fattori che possono essere legati alla longevità e che dunque potrebbero aver influenzato i risultati, come il tasso metabolico o la dieta adottata, ma solamente la dimensione relativa del cervello è risultata correlare con la lunghezza media della vita.

Lo sviluppo e il mantenimento del cervello impongono grossi costi: la selezione naturale, concludono i ricercatori, avrebbe favorito l’evoluzione di cervelli di grossa taglia solo se i benefici legati al possesso di questo carattere sono in grado di superarne i costi.

Andrea Romano


Riferimenti:
C. González-Lagos, D. Sol, S. M. Reader. Large-brained mammals live longer. Journal of Evolutionary Biology, 2010; 23 (5): 1064 DOI: 10.1111/j.1420-9101.2010.01976.x

Foto di Andrea Romano