Bardature da dinosauro: a cosa servivano?

g_1435156914Horner_Spinosauro_JPIII

Il 26 giugno si terrà a Milano un’interessante conferenza sui dinosauri: ospite Jack Horner

Molti dinosauri avevano corna, placche e rivestimenti di ogni sorta, ma per quale motivo? Negli ultimi anni nuovi metodi di studio hanno aiutato i paleontologi a capire molto dello stile di vita di questi animali preistorici, inclusi i misteri del loro aspetto per noi così inusuale.


26 giugno h 18,30  – Palazzo Dugnani, Milano
Per informazioni: info@appi.pr.it

Relatore: JOHN “JACK” HORNER – Montana State University

Introducono: Filippo Del Corno – Assessore alla Cultura del Comune di Milano
Domenico Piraina – Direttore del Museo di Storia Naturale di Milano
Cristiano Dal Sasso e Simone Maganuco – Curatori della mostra
Alessandro Carpana – Presidente Associazione Paleontologica A.P.P.I.


Con questo incontro si inaugura un ciclo di conferenze divulgative, della durata di circa un’ora, che si terranno nella prestigiosa sala del Tiepolo di Palazzo Dugnani, a supporto della mostra “Spinosaurus. Il gigante perduto del Cretaceo” in programma fino al 10 gennaio 2016 e in collaborazione con l’Associazione Paleontologica A.P.P.I.

L’accesso alla sala conferenze è libero, fino a esaurimento posti.

JACK HORNER è Professore Reggente di paleontologia presso la Montana State University ed è probabilmente il più famoso paleontologo al mondo. Ha ricevuto il premio McArthur Fellowship, detto “Premio dei Geni”, ed è autore di diversi libri sui dinosauri. È inoltre Presidente Onorario dell’Associazione Paleontologica Parmense Italiana (A.P.P.I.), la cui attività ha avuto inizio nel 2009 proprio con due conferenze del paleontologo americano a Parma. Alla fine degli anni ’70 Horner ha scoperto le prime uova di dinosauro dell’emisfero occidentale, in colonie di nidi di adrosauri da lui battezzati Maiasaura, “Rettile Buona Madre”: il nome deriva dall’interpretazione delle prove fossili secondo cui gli adulti di questo genere di dinosauri si prendessero cura dei piccoli. E’stato l’ispiratore del romanzo Jurassic Park di Michael Crichton e il consulente scientifico per l’omonima serie di film diretti e prodotti da Steven Spielberg. Dopo il ritrovamento di un fossile di Tyrannosaurus rex conservato straordinariamente bene (al suo interno sono stati ritrovati i cosiddetti “tessuti molli”) chiamato “B. rex” è nata l’idea – spiegata nel libro “Come Costruire un Dinosauro” – di riportare in vita i dinosauri preistorici partendo dal codice genetico degli uccelli, i dinosauri attuali. Lo studio approfondito ‐ iniziato proprio da Horner ‐ delle caratteristiche più appariscenti di diversi tipi di dinosauro, come corna, spine e placche, ha rivelato la capacità di molte specie di mutare radicalmente aspetto durante la crescita, portando spesso gli studiosi a pensare di trovarsi di fronte ai resti di due animali distinti anziché a quelli di due esemplari della stessa specie, ma di diverse età. Sempre pronto a sfidare e abbattere dogmi radicati tramite l’analisi scientifica delle prove fossili, nel corso degli anni è stato autore di ipotesi scientifiche e promotore di idee che hanno animato il dibattito e scosso convinzioni secolari, unendo un nuovo metodo di raccolta dei dati sul campo durante lo scavo a tecniche avveniristiche di studio delle ossa fossili in laboratorio.