Chi siamo? L’Almanacco della scienza di MicroMega

Dal 31 agosto sarà in edicola, libreria, ebook e iPad il nuovo Almanacco della scienza di MicroMega, curato da Telmo Pievani. La domanda centrale che fa da filo conduttore del volume è “chi siamo?”. Il tema è affrontato da diverse prospettive e a dare il loro contribuito a questo ricchissimo volume sono alcuni fra i maggiori scienziati di fama internazionale


Il paleoantropologo Damiano Marchi, unico italiano nel team di più di quaranta scienziati reclutati per studiare l’enorme quantità di fossili ritrovati nella camera di Dinaledi, racconta la straordinaria scoperta di Homo naledi e come essa modifichi quel che sappiamo sull’evoluzione umana; Bernard Wood spiega perché il percorso evolutivo che ha portato a Homo sapiens somigli più a un intricato cespuglio che a un albero; Emiliano Bruner, Annapaola Fedato ed Enza Spinapolice illustrano in chiave evolutiva la teoria della ‘mente estesa’, secondo la quale i processi cognitivi sono il frutto dell’interazione fra ambiente e corpo. Francesco d’Errico, fra i massimi esperti al mondo di pensiero simbolico, indaga l’origine della creatività umana; Telmo Pievani Francesco Suman espongono l’ipotesi dell’evoluzione culturale cumulativa, mentre il linguista Daniel Dor e la genetista Eva Jablonka spiegano come i comportamenti hanno influenzato l’evoluzione del linguaggio. Il grande biologo W. Tecumseh Fitch, uno dei massimi studiosi mondiali di evoluzione del linguaggio, illustra i quattro princìpi fondamentali di una futura biomusicologia e Stanislas Dehane, fra i maggiori neuroscienziati, fa il punto sulle nuove frontiere delle neuroscienze alla ricerca delle basi della coscienza.

Esiste la “natura umana”? E in cosa consiste? Marco Celentano, con una attenta ricostruzione storica, fa il punto delle dispute che si sono sviluppate lungo un secolo e mezzo nell’ambito delle scienze biologiche e psicologiche. Ma cosa ci dicono etnologia, paleoantropologia e sociologia sulla “natura” della morale (la cui esistenza, con il linguaggio e la produzione di strumenti, costituisce la differenza specifica per eccellenza dell’animale Homo sapiens)? Le forme di organizzazione sociale si sono sviluppate caoticamente in sincronia e diacronia secondo le norme etiche più diverse: il grande etologo di fama mondiale Dario Maestripieri e il direttore di MicroMega Paolo Flores d’Arcais avanzano due opinioni alquanto diverse su cosa possano dire la biologia evolutiva e l’etologia comparata su questo inoppugnabile fenomeno di relativismo morale.

Del rapporto fra scienza e verità e del metodo scientifico si occupano i saggi del paleontologo e biologo evoluzionista Henry Gee e il filosofo della scienza Elliot Sober mentre il grande biologo e genetista di Harvard Richard C. Lewontin in dialogo con David Sloan Wilson ricostruisce il percorso che lo ha portato a scrivere insieme a Stephen Jay Gould l’articolo sui pennacchi di San Marco, ormai un classico della biologia evoluzionista, mentre il neuroscienziato Jaak Pansepp spiega come è possibile sviluppare nuove terapie dei disturbi affettivi umani studiando le emozioni negli animali.

La rivista torna a occuparsi anche del tema Xylella, con un articolo di Francesco Sylos Labini che fa il punto sui dati scientifici in nostro possesso, dai quali sembrano emergere più dubbi che certezze.

Anche a questo numero, per festeggiare i trent’anni della rivista, sono allegati due volumetti con la ristampa di testi di Andrea Camilleri Paolo Flores d’Arcais.


Per anticipazioni e copie per recensioni scrivere a redazione@micromega.net

www.micromega.net