Giocare all’evoluzione 11: Giochi di parole – Il DNA e l’alfabeto della vita

Imparare la teoria dell’evoluzione attraverso il gioco: la rubrica di Pikaia sulla didattica dell’evoluzione

Giocare all’evoluzione 
 di Matteo Bisanti – Aurora Pederzoli – Roberto Guidetti 

“Giocare all’evoluzione” è un progetto nato nel 2011 all’Università di Modena e Reggio Emilia allo scopo di produrre materiali didattici su temi evolutivi che possano essere utilizzati autonomamente da insegnanti di scuola primaria e secondaria.



Giocare all’evoluzione 11: Giochi di parole – Il DNA e l’alfabeto della vita

La molecola del DNA si può paragonare a un libro, formato da lettere e parole che si susseguono seguendo un significato preciso. Il DNA è composto, infatti, di parti in successione, i nucleotidi, che vengono “lette” a gruppi di tre, le cosiddette triplette. Il susseguirsi di quattro diverse basi azotate, la parte variabile dei nucleotidi, viene analizzato secondo un codice preciso, dove ogni tripletta corrisponde a un aminoacido, molecola fondamentale e costitutiva degli esseri viventi. L’attività è pensata per introdurre l’argomento del DNA, del codice genetico e delle mutazioni, fondamentali insieme alla selezione naturale per l’evoluzione.

Destinatari: studenti dalla scuola secondaria.
Quali tematiche evoluzionistiche: DNA, codice genetico, mutazioni.
Che cosa serve: tappi di 4 colori diversi, una lavagna o un cartellone bianco, cartoncini bianchi, colla, pennarelli, o matite, colorati.
Durata: 1 o 2 ore circa.


Giocare all’evoluzione n. 11 – Giochi di parole