Giocare? Un gioco da ragazzi e … non solo

6888.JPG

Il 17 maggio al Museo di Storia Naturale di Pisa, a Calci, si parlerà del gioco, un’attività che ha un ruolo fondamentale, oltre che nell’uomo, anche in varie specie di mammiferi

Un approccio scientifico ad uno dei più dibattuti e affascinanti comportamenti che condividiamo con molte altre specie animali.
Giocare apre le porte sul mondo, permette di addentrarsi in luoghi inesplorati e di fare esperienza senza prendersi troppo sul serio. E questo è vero non soltanto per la specie umana. La giornata organizzata dal Museo di Storia Naturale dell’Università di Pisa intende mettere insieme la voglia di giocare, di apprendere, di conoscere e raccontare allo stesso tempo.
Programma
Conferenze
Ore 9.30 – Saluto Autorità
Ore 10.00 – Sonia Campa Gatti senza frontiere
Ore 10.30 – Giada Cordoni Can che abbaia non morde: il gioco e i suoi segnali…dal cane domestico ai parenti selvatici
Ore 11.00 – Roberto Papetti Giocattoli e giochi dei bambini del Mondo
Ore 11.30 – Elisabetta Visalberghi Giocando si impara? I giochi dei cebi, scimmie “spaccone”
Ore 12.00 – Elisabetta Palagi Giocare insieme: un primato da Primati
Ore 12.30 – 15.30 – Pranzo in Museo con possibilità di scambiare idee con i relatori
Laboratorio
Ore 15.30 – La mente, le mani, il gioco
Laboratorio per la costruzione di giocattoli condotto da Roberto Papetti.
Mani, sensi, intelligenza creativa e fantasia…per costruire giocattoli affiancati da un “mastro giocattolaio” che propone modi originali di utilizzo dei materiali trovati nell’ambiente e rivalutati ecologicamente. La riscoperta dei giocattoli di tutto il mondo, le varianti, la storia, le funzioni, le possibilità animative. Una sfida per fare e giocare con arte e scienza secondo finalità didattiche ed educative.