I maschi guidano la speciazione

Un processo di speciazione ha il suo compimento nella formazione di meccanismi di isolamento riproduttivo, che impediscono l’ibridazione delle due specie di nuova formazione. Questi meccanismi possono agire prima del momento della copula (meccanismi di isolamento riproduttivo pre-zigotici), impedendo l’incontro sessuale tra maschi e femmine di specie diverse come in seguito all’evoluzione di display di corteggiamento specie-specifici, o ad accoppiamento


Un processo di speciazione ha il suo compimento nella formazione di meccanismi di isolamento riproduttivo, che impediscono l’ibridazione delle due specie di nuova formazione. Questi meccanismi possono agire prima del momento della copula (meccanismi di isolamento riproduttivo pre-zigotici), impedendo l’incontro sessuale tra maschi e femmine di specie diverse come in seguito all’evoluzione di display di corteggiamento specie-specifici, o ad accoppiamento avvenuto (meccanismi di isolamento riproduttivo post-zigotici), generando incompatibilità gametica, creando problemi durante lo sviluppo embrionale o rendendo gli ibridi sterili.

Se, poi, le due nuove specie continuano a vivere in simpatria, ci si attende l’evoluzione in tempi rapidi di queste barriere riproduttive e un meccanismo di rafforzamento delle stesse. In alcuni contesti, però, l’isolamento riproduttivo può essere asimmetrico, con una specie che predilige l’accoppiamento assortativo mentre l’altra che non manifesta preferenza per l’una o l’altra specie. Inoltre, l’asimmetria può riguardare i diversi sessi, con gli individui di un sesso che prediligono l’accoppiamento con conspecifici e quelli dell’altro sesso che, invece, copulano indistintamente con potenziali partner di entrambe le specie. Un caso del genere è stato documentato su due specie di Gambusia (Gambusia affinis e Gambusia geiseri), pesciolini che, dopo il loro recente evento di speciazione, continuano a convivere nei medesimi luoghi.

Una ricerca pubblicata sulla rivista Evolutionary Ecology ha analizzato i comportamenti di scelta sessuale di maschi e femmine di entrambe le specie e valutato se esiste un’incompatibilità tra gli spermatozoi di una specie e le cellule uovo dell’altra. Dai risultati emerge che i maschi sia di Gambusia affinis che Gambusia geiseri prediligono di gran lunga corteggiare le femmine conspecifiche, mentre queste ultime sembrano risultare attratte nello stesso modo da potenziali partner di entrambe le specie. Inoltre, non è stata segnalata alcuna incompatibilità tra i gameti delle due specie.

La barriera riproduttiva tra le due specie, concludono i ricercatori, è di carattere pre-zigotico, mediata esclusivamente dai maschi di entrambe le specie.

Andrea Romano


Riferimenti:
Celeste M. Espinedo, Caitlin R. Gabor and Andrea S. Aspbury, Males, but not females, contribute to sexual isolation between two sympatric species of Gambusia, Evolutionary Ecology, Volume 24, Number 4, 865-878, DOI: 10.1007/s10682-009-9343-z