Iene tra i ghiacci

Rinvenuti i resti di una specie di ‘iena’ che visse intorno a un milione di anni fa al di sopra del Circolo Polare Artico


Un gruppo di paleontologi ha rinvenuto i resti fossilizzati di quella che, ad oggi, sarebbe la specie della famiglia delle iene (Hyaenidae) vissuta a latitudini più settentrionali finora nota. Si tratta di frammenti di denti scoperti nella regione dell’Old Crow River nei territori dello Yukon, Canada, risalenti a un periodo tra 1,4 milioni e 850 mila anni fa. La nuova specie, nominata Chasmaporthetes hyenas e descritta in un articolo su Open Quaternary, è infatti la prima nota vissuta al di sopra del Circolo Polare Artico.

Dai dati disponibili non è possibile definire con certezza le sue abitudini ecologiche. Secondo gli autori della scoperta, è possibile che questa specie cacciasse attivamente in branco le mandrie di ungulati della regione, oppure si nutrisse di carcasse di grossi mammiferi tipici delle tundre, come i mammuth.

Al giorno d’oggi, gli ienidi vivono esclusivamente nel continente africano, ma in passato sono note diverse specie anche in Europa ed Asia, nonché alcune presenti nella regione meridionale degli Stati Uniti. E’ probabile che le specie americane, compresa quella di recente scoperta, siano arrivate nel continente attraverso lo stretto di Bering in un periodo in cui il livello del mare era basso, rendendo così possibile il contatto tra Eurasia e America. Questo ritrovamento colma quindi un’enorme lacuna geografica nella distribuzione degli ienidi del passato.


Riferimenti:
Z.J. Tseng et al. 2019. First Fossils of Hyenas (Chasmaporthetes, Hyaenidae, Carnivora) from North of the Arctic Circle. Open Quaternary 5 (1): 6; doi: 10.5334/oq.64

Image credit: Julius T. Csotonyi