Invito alla Tavola Alta dell’evoluzione

Invito alla Tavola Alta dell’evoluzionedi Giorgio Tarditi SpagnoliL’alta tavola era riccamente imbandita. Esattamente dieci posti: due capitavola e otto altre sedute, una di fronte allʼaltra. Raffinato il servizio di piatti francese, in oro zecchino decorato, ordinatamente disposto sulla tavola, accompagnava ricchi cestini di vimini colmi di tiepide baguette e fragranti croissant. Le Luigi XV, rivestite da una ricca stoffa fiorata,

Invito alla Tavola Alta dell’evoluzione
di Giorgio Tarditi Spagnoli

L’alta tavola era riccamente imbandita. Esattamente dieci posti: due capitavola e otto altre sedute, una di fronte allʼaltra. Raffinato il servizio di piatti francese, in oro zecchino decorato, ordinatamente disposto sulla tavola, accompagnava ricchi cestini di vimini colmi di tiepide baguette e fragranti croissant. Le Luigi XV, rivestite da una ricca stoffa fiorata, s’abbinavano alla tovaglia, che morbidamente ricadeva a terra, il bordo ricamato da fiori a richiamo delle poltroncine. La tavola, sopraelevata dalla pedana in legno, dominava la scena del roseto, al culmine della fioritura.

A un capo della tavola stava in piedi Jean-Baptiste Lamarck. Camminava sul posto, avanti e indietro, quasi facendo un solco. Lanciava occhiate allʼorologio a cipolla, il viso trapelante impazienza. Nessuno dei suoi invitati sʼera ancora fatto vivo.

“Invito alla Tavola Alta dell’evoluzione. Mezzogiorno in punto, per fare il punto.” aveva scritto sui biglietti.

Tutto il testo in allegato
5477
5477.pdf (136 KB)