La concentrazione di ossigeno e la colonizzazione delle terre emerse

Stiamo parlando del cosiddetto Romer’s Gap, un intervallo piuttosto lungo in cui i fossili dei vertebrati con caratteristiche di pesci e anfibi, all’epoca “impegnati” nella colonizzazione delle terre emerse, sembrano sparire quasi del tutto per poi ripresentarsi copiosamente alla fine di questa misteriosa interruzione. Il paleontologo Peter Ward della University of Washington sta studiando questo fenomeno con un team di

Stiamo parlando del cosiddetto Romer's Gap, un intervallo piuttosto lungo in cui i fossili dei vertebrati con caratteristiche di pesci e anfibi, all'epoca "impegnati" nella colonizzazione delle terre emerse, sembrano sparire quasi del tutto per poi ripresentarsi copiosamente alla fine di questa misteriosa interruzione. Il paleontologo Peter Ward della University of Washington sta studiando questo fenomeno con un team di ricercatori, e ha scoperto che questo gap ha interessato anche altri gruppi di animali, come ad esempio insetti ed aracnidi. Cosa puo' aver causato tutto cio'? Ward e i suoi colleghi sono convinti che la causa principale risieda nella drastica riduzione della concentrazione di ossigeno in atmosfera che si verifico' proprio intorno a 360 milioni di anni fa: da una concentrazione pressoche' identica (cioe' del 21%) a quella attuale raggiunta gia' alla fine del Siluriano, circa 415 milioni di anni fa, si arrivo' ad una concentrazione che non superava il 13%, e questo basso livello si mantenne almeno per 30 milioni  di anni. E proprio in questo intervallo di tempo si colloca il Romer's Gap.

L'articolo, che compare su PNAS, fa anche parte di un libro da pochi giorni nelle librerie americane, dall'eloquente titolo "Out of Thin Air: Dinosaurs, Birds and Earth's Ancient Atmosphere". Secondo la tesi dell'autore, i dinosauri  avrebbero dominato la Terra grazie al peculiare sistema respiratorio sviluppato che ha permesso loro di superare indenni un primo durissimo periodo, circa 230 milioni di anni fa, durante il quale il livello di ossigeno atmosferico si mantenne a  livelli minimi. I primi dinosauri, comparsi appunto nel Triassico, avevano piccole dimensioni, e solo dopo la risalita dei livelli di ossigeno sarebbe stato possibile lo sviluppo di animali dalle dimensioni mastodontiche, quali quelli che dominarono Giurassico e Cretaceo. Lo speciale sistema di respirazione al quale fa riferimento Ward puo' essere ritrovato oggi negli uccelli.

Paola Nardi