La fine del mondo

Colossali ecatombi del passato hanno più volte segnato un nuovo inizio per altre forme di vita. La «catastrofe», la resa dei conti finale con la storia, ci affascina da sempre. Soddisfa bisogni psicologici magnificamente rappresentati nell’immaginario classico della fine del mondo vista come catarsi risolutiva, punizione, vendetta. Attraverso le parole chiave dell’attesa – apocalisse, disastro, nemesi, estinzione – queste pagine


Colossali ecatombi del passato hanno più volte segnato un nuovo inizio per altre forme di vita. La «catastrofe», la resa dei conti finale con la storia, ci affascina da sempre. Soddisfa bisogni psicologici magnificamente rappresentati nell’immaginario classico della fine del mondo vista come catarsi risolutiva, punizione, vendetta. Attraverso le parole chiave dell’attesa – apocalisse, disastro, nemesi, estinzione – queste pagine piene di ironia, e le storie di scienza che raccontano, ci propongono un messaggio positivo di umiltà evoluzionistica e di accettazione della contingenza della vita sulla Terra, per decidere che cosa fare quando anche questa volta il mondo non sarà finito.



Indice

Prologo
Voltaire e l’asteroide

Capitolo primo
CATASTROFE
(le cose cadono a pezzi, e non smettono mai di cadere)
–    In tanti ce l’avevano detto
–    Profezie sbagliate generano nuove profezie
–    La catastrofe si è inceppata
–    Il determinismo dell’astrologia: storie che ci piacciono da pensare
–    L’attraente non senso del 21 dicembre 2012
–    I mercanti di millenarismo
–    La freccia del tempo e il ciclo del tempo

Capitolo secondo
DISASTRO
(cattive stelle: l’invenzione della calamità “naturale”)
–    La natura non è un’autorità morale
–    Il paradosso della profezia di sventura
–    Perché una previsione scientifica non è un vaticinio
–    Super-eruzioni e terremoti: il disastro ineluttabile, per cause interne
–    Asteroidi e supernove: il disastro ineluttabile, per cause esterne
–    Giocare con il clima: il disastro per cause interne, con complicità umane
–    L’effetto “palla di neve”
–    Pandemie della paura

Capitolo terzo
NEMESI
(comunque sia, è colpa nostra)
–    Nemesi: il disastro per propria mano
–    Homo sapiens Stranamore
–    E se il più grande bioterrorista fosse la natura?
–    Noi i devastatori, noi i salvatori?
–    Andare ostinatamente incontro alla catastrofe

Capitolo quarto
ESTINZIONE
(siamo i figli della fine del mondo degli altri)
–    La rimozione del catastrofismo
–    Estinti, zombie e redivivi
–    Qualcosa non torna al tramonto del Cretaceo
–    La morale del dinosauro
–    La sopravvivenza del più fortunato (e forse del più flessibile)
–    Quella volta che la vita per un pelo non finì
–    La tempesta perfetta
–    Una specie catastrofica

Capitolo quinto
APOCALISSE
(che fare dopo che il mondo, anche questa volta, non sarà finito)
–    Apocalittici e rivoluzionari
–    Contro “l’argomento del giorno del giudizio”
–    La fine è sempre relativa
–    Un’apocalisse dai mille sensi
–    Una rivelazione alternativa: il mondo senza di noi
–    Con tragico ottimismo

–    Bibliografia
–    Indice dei nomi