La vita meravigliosa: tra caso e contingenza