L’antico orso marino dalle curiose abitudini alimentari

Rinvenuti i fossili di un orso marino adattato ad alimentarsi di molluschi


Un recente studio, pubblicato sulla rivista Proceedings of the Royal Society B: Biological Sciences, racconta la scoperta di alcuni fossili della specie Kolponomos newportensis, mammifero carnivoro ormai estinto, vissuto tra acqua e terra circa 20 milioni di anni fa nella zona delle coste nord-americane del Pacifico. Tramite software molto sofisticati, un gruppo di ricercatori ha analizzato i fossili di questi animali, scoprendone un’insolita abitudine alimentare, basata sul consumo quotidiano di molluschi, cozze e vongole.

Grazie alle analisi svolte su resti fossili di mascelle, teschi e ossa dei piedi sono emersi particolari sulle abitudini alimentari di questo animale: i molari sembrano abbastanza sviluppati per fare leva piuttosto che per divorare carne, la cavità della mandibola risulta molto profonda e la grandezza del mento sembra superare di parecchio quella propria della maggior parte delle specie di orsi odierni ed estinti. Dai ritrovamenti, anche l’anatomia dentale risulta alterata rispetto a quella degli orsi più comuni: infatti, i canini inferiori sono saldamente incastrati nella parte inferiore della mandibola. Inoltre, i muscoli del collo di Kolponomos pare fossero particolarmente sviluppati se confrontati a quelli degli orsi odierni, poiché necessari a fornire la giusta forza per staccare dalle rocce i molluschi e rompere i gusci prima di consumarli.

Si ipotizza che, per procurarsi il cibo, questa specie si comportasse in modo simile ai trichechi e alle lontre, ovvero raschiando le superfici rocciose con gli arti anteriori, anche se non esistono testimonianze sufficienti per provare tale comportamento. Quello che invece questi risultati hanno mostrato è l’evidente specializzazione alimentare di questa specie, che ha sfruttato le poche risorse disponibili, adattandosi all’ambiente costiero in cui viveva.


Riferimenti:
A unique feeding strategy of the extinct marine mammal Kolponomos: convergence on sabretooths and sea otters. Z. Jack Tseng, Camille Grohé, John J. Flynn. Proceedings of the Royal Society B: Biological Sciences. Published online:2 March 2016.

Immagine credit: Roman Uchytel