L’evoluzione al plurale

Charles Darwin aveva già intuito l’immagine di una fitta rete della vita, nella quale le specie interagiscono in modo talmente profondo da compenetrarsi l’una nell’altra. Nella solida cornice darwiniana della teoria dell’evoluzione oggi si svolgono ricerche affascinanti – come quelle sulle comunità di simbionti batterici – che arricchiscono la visione della vita giungendo anche a riformulare la definizione di unità

Charles Darwin aveva già intuito l’immagine di una fitta rete della vita, nella quale le specie interagiscono in modo talmente profondo da compenetrarsi l’una nell’altra. Nella solida cornice darwiniana della teoria dell’evoluzione oggi si svolgono ricerche affascinanti – come quelle sulle comunità di simbionti batterici – che arricchiscono la visione della vita giungendo anche a riformulare la definizione di unità fondamentali quali la specie o l’individuo.

Se ne parla alla Casa della Cultura, via Borgogna 3, Milano, Mercoledì 30 settembre, ore 21

La monografia Charles Darwin: l’evoluzione della vita (Pikaia ne ha parlato qui), numero 741 anno 65° dello storico periodico Il Calendario del Popolo, raccoglie contributi originali di autorevoli studiosi che illuminano con luci vive e particolari la vita e l’opera del grande naturalista inglese, la teoria dell’evoluzione come la conosciamo oggi, nonché le risonanze sociali e la comunicazione della biologia evoluzionistica.

Maurizio Casiraghi è Ricercatore in Zoologia presso il Dipartimento di Biotecnologie e Bioscienze dell’Università di Milano Bicocca, dove è docente di Evoluzione Biologica e Molecolare e Simbiosi e Associazioni Animali.

Telmo Pievani è professore associato di Filosofia della Scienza presso l’Università degli studi di Milano Bicocca, dove è vice-direttore del Dipartimento di Scienze Umane per la Formazione.

Emanuele Serrelli svolge attività di ricerca in Filosofia della Scienza all’Università di Milano Bicocca, cura il sito www.epistemologia.eu.

328
328.pdf (77 KB)