Mammifero con mezzo orecchio da rettile

Rivenuto un fossile di mammifero, il cui orecchio aveva ancora diversi tratti rettiliani


Lo aspettavano da oltre 150 anni e finalmente è venuto alla luce: si tratta dello scheletro completo di un piccolo mammifero che riveste una grande importanza per la comprensione dell’evoluzione dell’orecchio dei mammiferi. La nuova specie, rinvenuta in Cina, costituisce infatti una ‘perfetta’ forma di transizione che illustra la migrazione di due ossicini, l’incudine e il martello, dalla regione mandibolare dei rettili a quella auricolare dei mammiferi.

L’orecchio medio dei mammiferi è una struttura complessa e unica tra i vertebrati: è formata infatti da tre ossicini, la staffa, presente in tutti i vertebrati, l’incudine e il martello, esclusivi di questo gruppo di animali. Diversi studi di biologia dello sviluppo  hanno dimostrato come questi ultimi siano omologhi con alcune ossa della mandibola degli altri vertebrati, ma fino ad oggi mancavano le evidenze fossili di questo processo evolutivo.

In questo contesto si inserisce il ritrovamento della nuova specie, battezzata Liaoconodon hui e descritta su Nature, con un’incudine e un martello che hanno già perduto la connessione ossea con la mandibola ma sono ancora in contatto mediante la cartilagine di Meckel (OMC). Questa struttura aveva probabilmente una funzione stabilizzante del timpano e risulta ancora localizzata nel solco della mandibola inferiore. Liaoconodon hui visse tra 125 e 122 milioni di anni or sono e fornisce dunque preziosissime informazioni sugli stadi intermedi dell’evoluzione dell’orecchio medio dei mammiferi, struttura unica e complessa che consente a questo gruppo di vertebrati di percepire i suoni come onde sonore che si propagano in ambiente aereo.

Lo studio prosegue con una dettagliata analisi filogenetica condotta su diversi tratti dell’orecchio medio sia tra specie fossili che organismi attuali: sorprendentemente, i risultati indicherebbero che l’orecchio medio dei mammiferi si sarebbe originato due volte in maniera separata, nel gruppo dei monotremi e in quello che comprende marsupiali e placentati.


Riferimenti:
Jin Meng, Yuanqing Wang, Chuankui Li, Transitional mammalian middle ear from a new Cretaceous Jehol eutriconodont, Nature 472: 181–185, doi:10.1038/nature09921