Nasce “La mela di Newton”

La grande divulgazione scientifica diventa uno spazio fisso su MicroMega online

Debutta oggi su micromega.net “La mela di Newton”, estensione online dell’Almanacco della Scienza di MicroMega. Una nuova sezione del sito di MicroMega, a cura di Telmo Pievani, con contributi originali, interviste a scienziati e filosofi della scienza, recensioni, estratti inediti, dibattiti, approfondimenti e anteprime.

La razionalità critica e la libertà di pensiero, che sono al cuore della ricerca scientifica, hanno ancora molti nemici, in primis i fondamentalismi e gli oscurantismi di ogni sorta. Nel frattempo la scienza permea le nostre vite. Non c’è sfida globale del XXI secolo (il riscaldamento climatico, le energie rinnovabili del futuro, l’accesso all’acqua, la fame, le emergenze sanitarie, le diseguaglianze sociali sempre più lancinanti e intollerabili) che non trovi nella ricerca scientifica e tecnologica una possibile speranza di future soluzioni, inedite e creative.

Ma anche le grandi domande filosofiche di sempre – chi siamo, da dove veniamo, come pensiamo, in quale relazione siamo con il mondo – non possono essere oggi affrontate seriamente senza conoscere gli avanzamenti più recenti della ricerca scientifica. Mentre in Italia il dibattito bioetico muore per asfissia argomentativa (sempre gli stessi temi, sempre gli stessi divieti), nel mondo la bioetica di frontiera si interroga sui nuovi confini delle biotecnologie rese possibili dalla ricerca più avanzata.

L’imbarazzante e irriformabile classe politica italiana è talmente inadeguata culturalmente ad affrontare questi temi che continua a riempire le sue chiacchiere di “futuro” e “innovazione” e intanto persevera nel non finanziare la ricerca pubblica italiana se non con iniziative spot calate dall’alto, lascia che le nostre più brillanti intelligenze se ne vadano, svilisce e umilia i migliori. Nel frattempo la scienza evolve, si auto-corregge, dibatte i temi più aperti, sgretola pregiudizi e stereotipi, scopre fenomeni nuovi e si pone nuove domande.

Di questo e di tanto altro ancora, senza riverenze, si occuperà “La mela di Newton”, estensione online dell’Almanacco della Scienza di MicroMega, curata dal filosofo della scienza (e tra i massimi studiosi di darwinismo e di evoluzionismo) Telmo Pievani, con contributi originali, interviste a scienziati e filosofi della scienza, recensioni, estratti inediti, dibattiti, approfondimenti e anteprime.

I primi due articoli online su “La mela di Newton”:


Quando ci si affeziona troppo a un’idea. La storia di alcuni falsi miti scientifici
di Olmo Viola
Miti scientifici persistono ben radicati nelle menti di molte persone, promuovendo concezioni e comportamenti deleteri. Talvolta anche scienziati risultano assuefatti a teorie attraenti ma false. Aderendovi acriticamente e promuovendole contribuiscono direttamente alla diffusione di falsità e a rendere più saldi luoghi comuni ingiustificati. In una recente pubblicazione su “Nature”, la giornalista Megan Scudellari si è dedicata alla demistificazione di 5 miti scientifici, tanto radicati che la loro confutazione lascia disorientati.

Teorie del complotto, Social Intelligent Design e disuguaglianza globale
di Francesco Suman
Le teorie del complotto, proponendo versioni ipersemplificate della realtà sociale, presentano un’architettura esplicativa, finalistica e intenzionale, del tutto simile alla teoria dell’Intelligent Design che mirerebbe a spiegare la complessità del mondo naturale come prodotto di un agente superiore. La diffusione della disinformazione online è considerata una delle più serie minacce per la società odierna. Per questo i complottismi non vanno liquidati con quattro risate, ma colti per quello che sono: campanelli d’allarme.