Orecchini da scimpanzé

In una piccola popolazione di scimpanzé che vive in Zambia si sta diffondendo la strana ‘moda’ di indossare fili d’erba come una sorta di orecchini


Già da tempo si conoscono gruppi di scimpanzé in cui si diffondono comportamenti per via culturale: in tutti i casi, però, i comportamenti messi in atto da diversi individui dello stesso riguardavano attività legate alla ricerca del cibo, come la rottura di grosse noci con strumenti di diverso tipo (Pikaia ne ha parlato qui) o la cattura di piccoli insetti in anfratti di alberi (Pikaia ne ha parlato qui). 

Dalle pagine della rivista Animal Cognition, viene oggi invece mostrato per la prima volta un comportamento genuinamente culturale senza che questo implichi il minimo valore adattativo. Nella popolazione di scimpanzé che vive nel Chimfunshi Wildlife Orphanage Trust Sanctuary, in Zambia, si sta diffondendo la strana abitudine di utilizzare, come una sorta di orecchini, lunghi fili d’erba. Nell’arco di un anno, infatti, un gruppo di primatologi ha documentato la maggior parte degli individui di un gruppo (8 su 12) infilarsi sottili spighette d’erba in una delle due orecchie. Lo studio ha documentato come la diffusione di tale comportamento sia avvenuto per imitazione di una femmina adulta, chiamata July, che è stata prima seguita da uno dei suoi figli e poi dal resto del gruppo. Questo singolare comportamento non è invece mai stato osservato negli altri tre gruppi di questo primate che vivono nella stessa area, indicando che le condizioni ecologiche non sono state determinanti nel promuovere l’utilizzo di questo ‘ornamento’. 

Forse non ha senso credere che questa osservazione possa in qualche modo aiutare lo studio dell’origine dei comportamenti simbolici nella nostra specie, ma è certamente una curiosità interessante che mostra, ancora una volta, la vicinanza con i nostri cugini scimpanzé. 

Andrea Romano


Riferimenti:
Edwin J. C. van Leeuwen, Katherine A. Cronin, Daniel B. M. Haun. A group-specific arbitrary tradition in chimpanzees (Pan troglodytes). Animal Cognition, 2014; DOI: 10.1007/s10071-014-0766-844

Credit: Image courtesy of Springer Science+Business Media