Pianificare il futuro

Questa è la conclusione di un interessante studio condotto su un esemplare di orango (Pongo pygmaeus) e due di scimpanzè (Pan troglodytes) e pubblicato sulla rivista Animal Cognition.Messi di fronte alla scelta tra una ricompensa immediata ma di piccola entità, in questo caso un frutto maturo, e un oggetto che potrebbe risultare utile ad un futuro grande beneficio, una cannuccia

Questa è la conclusione di un interessante studio condotto su un esemplare di orango (Pongo pygmaeus) e due di scimpanzè (Pan troglodytes) e pubblicato sulla rivista Animal Cognition.

Messi di fronte alla scelta tra una ricompensa immediata ma di piccola entità, in questo caso un frutto maturo, e un oggetto che potrebbe risultare utile ad un futuro grande beneficio, una cannuccia con cui avrebbero potuto consumare un lauto pasto liquido ben 70 minuti dopo, gli individui oggetto di studio hanno dimostrato di saper pianificare le proprie azioni future. Infatti, nella maggior parte dei casi, l’orango e gli scimpanzè hanno optato per la seconda scelta, anche se questa implicava una rinuncia temporanea.

Per comprendere se l’orango e gli scimpanzè avessero condotto la propria scelta solo mediante apprendimento associativo o per una reale comprensione delle caratteristiche dell’oggetto da utilizzare, i ricercatori hanno posto le scimmie davanti ad un ulteriore scelta. In questo caso, oltre al frutto maturo, venivano proposti loro altri tre oggetti con cui non avevano alcuna familiarità: uno di questi poteva essere utilizzato in maniera simile ad una cannuccia, mentre gli altri non potevano in nessun modo essere funzionali allo scopo. Anche in questo caso la scelta cadeva per la maggior parte delle volte sul nuovo oggetto utile al consumo del pasto liquido, dimostrando che oranghi e scimpanzè possiedono le capacità per la valutazione delle proprietà funzionali dell’oggetto in questione.

Questi risultati, concludono i ricercatori della Lund University, indicano la capacità delle grandi scimmie antropomorfe di visualizzare un’azione futura anche senza averne mai sperimentato l’esito, capacità che fino ad oggi si riteneva fosse esclusivamente umana.

Andrea Romano

Fonte dell’immagine: Wikimedia Commons


Riferimenti:
Osvath et al. Chimpanzee (Pan troglodytes) and orangutan (Pongo abelii) forethought: self-control and pre-experience in the face of future tool use. Animal Cognition, 2008 DOI: 10.1007/s10071-008-0157-0