Sei cose impossibili prima di colazione

L’affresco generale del rapporto tra l’uomo e la sua millenaria storia evolutiva si arricchisce di un nuovo importante tassello. Questa volta il protagonista è uno dei più affascinanti e misteriosi tratti distintivi di Homo sapiens: perché crediamo, e siamo convinti che possa esistere un’“intelligenza superiore” che governa e indirizza le nostre vite? Perché tendiamo con facilità a credere nel sovrannaturale,

L’affresco generale del rapporto tra l’uomo e la sua millenaria storia evolutiva si arricchisce di un nuovo importante tassello. Questa volta il protagonista è uno dei più affascinanti e misteriosi tratti distintivi di Homo sapiens: perché crediamo, e siamo convinti che possa esistere un’“intelligenza superiore” che governa e indirizza le nostre vite? Perché tendiamo con facilità a credere nel sovrannaturale, nelle religioni, nella telecinesi, negli angeli, nella fortuna (o nella sfortuna…) e nel destino? La risposta, per il biologo ed ex credente Lewis Wolpert, risiede nella nostra particolarissima evoluzione di specie animale, precisamente nello sviluppo dei concetti di causa ed effetto, e nel modo in cui la nostra mente è stata «geneticamente programmata». Quando hanno sviluppato la capacità di costruire strumenti e oggetti appositamente creati per ottenere uno scopo (accendere un fuoco, macinare i semi per mangiarli o cacciare gli animali), i nostri antenati hanno scoperto nel tempo di poter estendere tale tratto, unico nel regno animale, a sfide intellettuali sempre più complesse e insidiose, fino alla nascita delle religioni: perché ci si ammala? Perché il Sole sorge e tramonta? Perché si nasce e si muore? La tesi di Wolpert è che una conseguenza dell’evoluzione del cervello umano è stata quella di diventare un vero e proprio «generatore di credenze», un meccanismo utile ed essenziale per la sopravvivenza della specie.


Il libro sarà presentato l’1 novembre alle ore 15 in occasione del Festival della Scienza di Genova. Sarà presente l’autore.