Un grido d’amore….a bassa voce

In molti vertebrati, i maschi di alta qualità hanno una grande taglia corporea che determina una posizione sociale elevata e quindi un buon successo riproduttivo. Diversi studi hanno mostrato l’importanza dei tratti vocali come indicazione della dimensione corporea nei mammiferi; in  particolare, dato che le vocalizzazioni sono spesso soggette a selezione sessuale, possono essere usate per valutare la qualità e

In molti vertebrati, i maschi di alta qualità hanno una grande taglia corporea che determina una posizione sociale elevata e quindi un buon successo riproduttivo. Diversi studi hanno mostrato l’importanza dei tratti vocali come indicazione della dimensione corporea nei mammiferi; in  particolare, dato che le vocalizzazioni sono spesso soggette a selezione sessuale, possono essere usate per valutare la qualità e il rango sociale dei maschi che le emettono.

Uno studio recente, condotto dall’Università di Zurigo su una popolazione di daini (Dama dama) del Phoenix Park, in Irlanda, ha esaminato la struttura acustica dei gemiti dei maschi, esplorando le relazioni tra la loro qualità, espressa come taglia corporea, posizione sociale e successo riproduttivo, e le componenti della frequenza delle vocalizzazioni. Questi animali sono particolarmente adatti per uno studio sul ruolo dei segnali acustici come indicatori della qualità maschile, in quanto adottano un sistema riproduttivo poliginico (un individuo maschio si accoppia con più femmine nella stessa stagione riproduttiva) con un’elevata competizione tra maschi, che ne determina il loro successo riproduttivo: i maschi più grandi di taglia sono infatti i dominanti e di conseguenza quelli con maggior probabilità di riprodursi.

Questo studio ha mostrato che nei daini maschi una grande taglia corporea non corrisponde a gemiti con alte  frequenze fondamentali (la frequenza fondamentale corrisponde alla velocità con cui le corde vocali nella laringe si aprono e si chiudono). Simili risultati sono stati ottenuti per altri mammiferi come il cervo (Cervus elaphus), il leone (Panthera leo), l’elefante marino (Mirounga leonina), e confermano che la crescita della laringe nei maschi può essere dissociata da quella del resto del corpo. Al contrario, lo studio dimostrerebbe che le vocalizzazioni dei maschi di grande taglia e di alto rango, sono caratterizzate dalle frequenze fondamentali più basse e da basse risonanze. Dato che lo status sociale è il fattore più strettamente correlato al successo riproduttivo, in quanto i maschi di alto rango si accoppiano con un numero significativamente più alto di femmine, quindi gemiti caratterizzati da basse frequenze e da una bassa dispersione possono essere reali indicatori di buona qualità del maschio.

Questo studio dimostra, per la prima volta, che nei mammiferi, ad esclusione dei primati, le vocalizzazioni soggette a selezione sessuale possono segnalare la dominanza sociale e rivela che le componenti acustiche dei gemiti possono dare informazioni sui differenti aspetti fenotipici dei maschi.

Brunella Visaggi


Riferimenti:
Vannoni et al. Low Frequency Groans Indicate Larger and More Dominant Fallow Deer (Dama dama) Males. PLoS ONE, 2008; 3 (9): e3113 DOI: 10.1371/journal.pone.0003113

Fonte dell’immagine: Wikimedia Commons