Un mosasauro dall’Antartide

Rinvenuti i fossili di una nuova specie di mosasauro, che viveva nei mari dell’Antartide verso la fine dell’”Epoca dei dinosauri”

Kaikaifilu hervei è una nuova specie di mosasauro, famiglia di rettili marini estinti che vissero nei mari di tutto il mondo nel Cretaceo Superiore, i cui resti fossili sono stati scoperti nell’isola di Seymour (Antartide). I fossili, descritti sulla rivista Cretaceous Research, risalgono al tardo Cretaceo, datati circa 66 milioni di anni fa.

I resti di questa specie sono stati rinvenuti nel 2010, grazie una spedizione di scienziati cileni all’isola di Seymour, in seguito ad un lungo e difficoltoso periodo di scavo. Il ritrovamento consisteva in alcuni resti craniali e un omero gigantesco, attribuiti a una nuova specie di mosasauro: la notevole grandezza delle ossa di questa specie permise ai paleontologi di ipotizzare che essa avesse il cranio lungo circa 1,2 metri e il corpo di dimensioni comprese tra 12 e 14 metri. Inoltre, analogamente a quanto osservato negli altri mosasauri, gli studiosi ritennero molto probabile che K. hervei fosse anche caratterizzato da arti a forma di natatoia, dal corpo snello, affusolato e dalla coda molto lunga, particolarmente utile durante il nuoto.

Prima della scoperta di K. hervei, che rappresenta il più grande top predator dell’Antartico fino a ora noto, i rinvenimenti osteologici di mosasauro erano rappresentati soprattutto da denti isolati e altri resti cranici che, sulla base delle loro caratteristiche morfologiche, erano stati identificati come appartenenti a specie di dimensioni più piccole (come ad esempio Taniwhasaurus antarcticus, il cui cranio misurava al massimo 70 centimetri). Questi fossili, dunque, non avevano fornito alcuna testimonianza sulla presenza di grandi mosasauri in Antartide, tanto che molti studiosi pensavano che questi rettili marini dominassero le catene alimentari degli oceani dell’emisfero boreale, come suggerito dai fossili dei maestosi Mosasaurus e Tylosaurus.

Kaikaifilu cacciava principalmente altri rettili marini, la cui presenza in Antartide era permessa dal clima particolarmente mite del Cretaceo. Tuttavia, alla fine di questo periodo geologico (circa 66 milioni di anni fa), il violento impatto di un grosso meteorite nel Golfo del Messico causò drastici cambiamenti del clima e del livello dei mari su scala globale, seguiti da una grande estinzione di massa, che segnò il definitivo epilogo, oltre che dei dinosauri, anche dei mosasauri.


Riferimenti:
Otero R. A., Soto-Acuña S., Rubilar-Rogers D., Gutstein C. S., 2016. Kaikaifilu hervei gen. et sp. nov., a new large mosasaur (Squamata, Mosasauridae) from the upper Maastrichtian of Antarctica. Cretaceous Research 70: 209-225. DOI: 10.1016/j.cretres.2016.11.002

Immagine: By Nobu Tamura (http://spinops.blogspot.com) (Own work) [GFDL (http://www.gnu.org/copyleft/fdl.html) or CC BY 3.0 (http://creativecommons.org/licenses/by/3.0)], via Wikimedia Commons