Un nuovo genere di anellide marino

Dalle profondità marine giunge una nuova, stravagante creatura: si tratta di un anellide polichete dalle caratteristiche uniche al mondo. Diversamente a tutti gli anellidi marini noti, infatti, presenta ben 10 appendici cefaliche, 6 delle quali di lunghezza superiore al suo corpo. La nuova specie, battezzata Teuthidodrilus samae, vive ad oltre 2.500 metri di profondità nel Mare di Celebes, un bacino


Dalle profondità marine giunge una nuova, stravagante creatura: si tratta di un anellide polichete dalle caratteristiche uniche al mondo. Diversamente a tutti gli anellidi marini noti, infatti, presenta ben 10 appendici cefaliche, 6 delle quali di lunghezza superiore al suo corpo.

La nuova specie, battezzata Teuthidodrilus samae, vive ad oltre 2.500 metri di profondità nel Mare di Celebes, un bacino profondo situato tra le Filippine e l’Indonesia. Per le sue caratteristiche anatomiche, l’anellide è stato soprannominato ‘squidworm’, ovvero verme-calamaro, e rappresenta l’unico membro del genere a cui appartiene, che è stato coniato proprio in occasione di questo ritrovamento. La specie, che non supera il centimetro di lunghezza, è stata descritta sulle pagine della rivista Biology Letters

Grazie ad un’analisi filogenetica, realizzata sulla base di 5 geni sequenziati e 29 caratteri morfologici, è stato possibile collocare Teuthidodrilus samae nella famiglia degli Acrocirridi, un clade costituito quasi esclusivamente da policheti bentonici, nonostante la nuova specie sia un’attiva e abile nuotatrice pelagica. Future indagini, concludono gli autori della scoperta, renderenno possibile comprendere in che modo, nel corso della sua storia evolutiva, questo organismo abbia sviluppato le sue caratteristiche, così differenti dal clade a cui appartiene.

Qui un video

Andrea Romano


Riferimenti:
Karen J. Osborn, Laurence P. Madin, Greg W. Rouse, The remarkable squidworm is an example of discoveries that await in deep-pelagic habitats, Biology Letters, Published online before print November 24, doi: 10.1098/rsbl.2010.0923