Una misura impressionante

download (1)

Un piccolo lemure del Madagascar, scoperto recentemente, Mirza zaza, ha i testicoli più grossi di tutti i primati

Misurare i testicoli degli animali non è (solo) una perversione di alcuni zoologi, ma può anche fornire indicazioni sul loro comportamento riproduttivo. E’ infatti noto che c’è una relazione abbastanza stretta fra la taglia dei testicoli e il regime riproduttivo. Fra i primati, ad esempio, è possibile mettere la taglia relativa dei testicoli contro la taglia corporea, e si scopre facilmente come una maggiore promiscuità si accompagni ad un aumento considerevole della taglia dei testicoli. La spiegazione è abbastanza semplice: in un regime di promiscuità, diventerà padre del maggior numero di figli quel maschio che produce più spermatozoi. Se tale caratteristica, come è ragionevole supporre, si accompagna ad un aumento della taglia dei testicoli ed è ereditaria… Per intenderci, ad esempio, i bonobo, che vivono in “famiglie” numerose non monogamiche dovrebbero avere testicoli relativamente ben più grandi dei gorilla, che vivono in piccoli harem con un maschio dominante (a dispetto della ben nota canzone di Brassens cantata da Nanni Svampa). Previsione rispettata.

Ora accade che un piccolo primate del Madagascar, identificato come specie solo nel 2005, il topo-lemure gigante (si fa per dire) Mirza zaza ha rivelato la caratteristica di avere testicoli notevolmente grandi. Un gruppo di ricercatori britannici e tedeschi è riuscito a catturare sette maschi e cinque femmine di quella specie nella foresta di Ankarafa, nel Nord-Ovest del Madagascar. Li hanno misurati accuratamente e hanno trovato un volume medio dei testicoli di 15,8 cm3. Come dire otto volte il valore atteso per una strepsirrina, il gruppo di primati comprendente i lemuri, i galagoni e i potto. Poiché il peso medio dei maschi era di circa 280 grammi, quel valore significa che i testicoli rappresentano il 5,5% del peso corporeo, come dire due ordini di grandezza di più dei testicoli umani. E’ come se un uomo di 80 chili avesse testicoli di 4!

Questa caratteristica isola M. zaza non solo dagli altri lemuri noti, ma anche da altre specie dello stesso genere. Quale può essere la causa di una simile anomalia? Gli autori hanno potuto osservare che M. zaza vive in nidi formati da fino a otto maschi e femmine che praticano promiscuità. “In aggiunta, – concludono – basandosi sull’età inferita degli animali catturati, sul comportamento all’accoppiamento osservato in cattività, e sull’osservazione di una femmina in estro, suggeriamo che M. zaza sia uno dei pochi lemuri che non concentra la riproduzione in un’unica stagione”. I testicoli grandi si sarebbero evoluti, dunque, in seguito a competizione spermatica prolungata nell’anno.


Riferimenti:
Rode-Margono, E.J., Nekaris, K. A, Kappeler, P.M., Schwitzer, C. The Largest Relative Testis Size Among Primates and Aseasonal Reproduction in a Nocturnal Lemur, Mirza zaza. Am. J. Phys. Antrhop. Article first published online: 29 JUN 2015, DOI: 10.1002/ajpa.22773

Credit image: Melanie Seiler