Wallace, pioniere dell’astrobiologia

In un articolo su Nature (“Wallace pioneered astrobiology too“) U.Kutschera si raccomanda che qualcuno si ricordi, in occasione del vicino centenario della morte di A.Wallace (1913), che non deve solo essere giustamente considerato, come autore del libro “The geographical distribution of animals. With a study of the relations of living and extinct faunas as elucidating the past changes of the


In un articolo su Nature (“Wallace pioneered astrobiology too“) U.Kutschera si raccomanda che qualcuno si ricordi, in occasione del vicino centenario della morte di A.Wallace (1913), che non deve solo essere giustamente considerato, come autore del libro “The geographical distribution of animals. With a study of the relations of living and extinct faunas as elucidating the past changes of the earth’s surface”, l’inventore della biogeografia (un elemento fondamentale per la selezione naturale, che anche lui scoprì insieme a C.Darwin). 

Dobbiamo considerarlo infatti anche padre dell’astrobiologia (o esobiologia) introdotta per la prima volta nel suo libro “Man’s place in the universe” (1903). Non sappiamo ancora se possiamo invece considerare o no profetico il suo successivo libro “Is Mars Habitable?“, dato che egli escluse la possibilità di vita su Marte.

Da L’Antievoluzionismo in Italia, il blog di Daniele Formenti