Ottobre di fuoco

5578.JPG

Ecco i convegni e i partecipanti. Al primo, previsto per il 22 ottobre a Roma, partecipa l’augusto* vicepresidente del Cnr, De Mattei, Ferdinando Catalano, un fisico e ricercatore nel campo dell’ottica oftalmica per i creazionisti, Roberto Verolini e Aldo Piombino per gli evoluzionisti. Sui primi due non mi pronuncio (sono figure talmente modeste intellettualmente che non voglio sprecare gli elettroni per descriverli)


Ecco i convegni e i partecipanti. Al primo, previsto per il 22 ottobre a Roma, partecipa l’augusto* vicepresidente del Cnr, De Mattei, Ferdinando Catalano, un fisico e ricercatore nel campo dell’ottica oftalmica per i creazionisti, Roberto Verolini e Aldo Piombino per gli evoluzionisti. Sui primi due non mi pronuncio (sono figure talmente modeste intellettualmente che non voglio sprecare gli elettroni per descriverli) ma i secondi meritano un attimo di attenzione. Aldo è un grandioso divulgatore della geologia, e anche il creatore delle 22 domande proprio a De Mattei sulla sua ignoranza. Verolini l’ho incontrato credo sui newsgroup di biologia, in cui cercava di spiegare a tutti una sua teoria che metterebbe d’accordo teisti e atei anche alla luce dell’evoluzione – qui una descrizione del suo libro “Il Dio laico”. Anche se Aldo ci si avvicina molto, nessuno dei due è veramente un evoluzionista e, se mi posso permettere, presentarsi a questo dibattito potrebbe dare spunto ai creazionisti per urlare delle giustificazione della loro posizione da parte del mondo degli evoluzionisti. Non ho mai partecipato – direttamente – a un dibattito, ma la voce che gira da tempo è quella di lasciarli bollire nel loro brodo (i creazionisti, intendo).

Un altro convegno, sempre il 22 e sempre a Roma, si intitola “Evoluzione della specie; Fine di un’ipotesi”. Vi partecipano Stefano Bertolini, un ingegnere che ha affermato: “Credo pienamente nella vita recente sulla terra di poche migliaia di anni con Dio come Creatore” e Andrea Lucarelli, un giovane fisico che (drumroll):

“dopo aver accennato ai suoi studi di spettroscopia ottica e laser, sistemi critici quantistici, nuove fasi della materia e lo studio di sistemi ad alta correlazione elettronica, ha concluso affermando che quell’agente intelligente di cui molti parlano, “io lo identifico con il Dio della Bibbia che ha creato “ex-nihilo” tutto ciò con cui possiamo interagire nell’Universo ed ha creato la biosfera del pianeta Terra in 7 giorni di 24 ore letterali”.

Traggo la descrizione da un precedente convegno creazionista.

La triade terribile si conclude con un convegno a Milano a cui partecipano “gli scienziati del Science Research Foundation con la presenza del dott. Oktar Babunia”. Credo siano i turchi di Adnan Oktar, il famoso autore dell’Atlante della creazione, il miglior fermaporte dopo il monte Everest. Le opinioni a confronto, a quanto capisco, sono solo le loro. Anche nel presunto luogo in cui avverrà il convegno, il palazzo delle Stelline a Milano, nessuno sa niente. Cercherò di tenermi informato.

* in questo senso

Tratto da Leucophaea, il blog di Marco Ferrari