L’iguana rosa delle Galapagos

Le Galapagos sono le isole più conosciute e monitorate del mondo. Per questo motivo, nessuno si aspettava ciò che è accaduto pochi giorni fa…un gruppo di ricercatori, guidati dall’italiano Gabriele Gentile dell’Università di Roma Tor Vergata, già noto al grande pubblico per la sua partecipazione alla trasmissione Evoluti per caso, ha rinvenuto una nuova specie di iguana terrestre!Questa specie, di

Le Galapagos sono le isole più conosciute e monitorate del mondo. Per questo motivo, nessuno si aspettava ciò che è accaduto pochi giorni fa…un gruppo di ricercatori, guidati dall’italiano Gabriele Gentile dell’Università di Roma Tor Vergata, già noto al grande pubblico per la sua partecipazione alla trasmissione Evoluti per caso, ha rinvenuto una nuova specie di iguana terrestre!

Questa specie, di colore rosa con alcune striature nere, vive solamente nell’isola di Isabela alle pendici del Vulcano Wolf, il luogo in cui solo pochi mesi fa furono rinvenuti alcuni individui ibridi portatori del DNA di una specie di testuggine terrestre considerata ormai estinta (da qui si accede alla notizia di Pikaia che ne parla). Questo rettile, avvistato per la prima volta nel 1986, è stato ora identificato come nuova specie grazie ad un’analisi genomica che ha confrontato il DNA di 36 esemplari di iguana rosa con quello delle due specie terrestri di colore giallo Conolophus pallidus e Conolophus subcristatus. L’analisi ha rilevato che il genoma dell’iguana rosa, che può raggiungere il metro di lunghezza, differisce di circa il 7% da quello delle altre due iguane di terra, la cui divergenza a livello di DNA è pari al solo 2%. Questo dato ha suggerito che questa nuova specie si sia separata dalle parenti gialle oltre 5 milioni di anni fa, prima che l’arcipelago fosse del tutto formato. La “rosada” si posiziona, infatti, alla base dell’albero filogenetico delle iguane del genere Conolophus e rappresenta uno degli eventi di speciazione più antico avvenuto sulle isole Galapagos.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Proceedings of the National Academy of Science, ha inoltre identificato la presenza di un ibrido tra l’iguana rosa e Conolophus subcristatus, la specie di colore giallo con cui convive sulla stessa isola dell’arcipelago, a sottolineare la presenza, seppur minima, di accoppiamenti interspecifici.

La permanenza di questa specie, nuova alla scienza ma di origine antichissima, è già in pericolo, in quanto sembra che la popolazione residente raggiunga al massimo poche decine di esemplari. Necessiteranno, pertanto, adeguate misure di conservazione e tutela di questo straordinario abitatore dell’arcipelago, sfuggito all’occhio vigile di colui, Charles Darwin, che ha fatto la fortuna delle isole Galapagos.

Andrea Romano 


Riferimenti:
Gabriele Gentile, Anna Fabiani, Cruz Marquez, Howard L. Snell, Heidi M. Snell, Washington Tapia, and Valerio Sbordoni. An overlooked pink species of land iguana in the Galápagos. Proceedings of the National Academy of Sciences. doi.10.1073/pnas.0806339106