Creazionismo e antidarwinismo, in USA e in Italia

Una breve rassegna sui movimenti antidarwinisti americani e italiani: origini, differenze, punti in comune e un approfondimento su come sono cambiate le loro strategie negli ultimi anni

Antidarwinismo a stelle e striscie
Michele Bellone, da Micron – anno X, numero 27

Da sempre, negli Stati Uniti, il darwinismo ha dovuto fare i conti con la tenace opposizione dei sostenitori di teorie in diversa forma incentrate su un’idea creazionista dell’universo. Oggi le tesi del Disegno Intelligente sembrano conoscere un nuovo e più diffuso radicamento, grazie anche al successo di vere e proprie strategie di marketing che trovano sponda in un background culturale, religioso e spesso anche politico favorevole. Continua


L’evoluzione dell’antidarwinismo

Michele Bellone, da Micron – anno X, numero 26

A centocinquant’anni dalla sua formulazione, la teoria darwiniana si è evoluta e continua a evolversi per poter spiegare le nuove evidenze portate alla luce dai ricercatori. Allo stesso modo, anche l’antidarwinismo si è evoluto: dal creazionismo puro è passato al creazionismo scientifico e da lì alla teoria dell’Intelligent Design, fino alla tappa più recente: un approccio che sostiene di prendere le distanze sia dal creazionismo sia dall’Intelligent Design per evitare il più possibile qualsiasi riferimento troppo esplicito a ipotesi più o meno creazioniste, in modo da poter rendere più credibile la propria aura di scientificità. Continua