Charles Darwin – Sulla vivisezione. I documenti di un dibattito

7278.JPG

Un nuovo libro, curato da Alessio Cazzaniga e Fabio Esposito e edito da Mimesis, che riporta una raccolta di scritti di Charles Darwin, per la prima volta tradotti in italiano, riguardanti il tema della vivisezione: un ritratto inedito del padre della teoria dell’evoluzione per selezione naturale

Charles Darwin
Sulla vivisezione. I documenti di un dibattito
a cura di Alessio Cazzaniga e Fabio Esposito
postfazione di Giacomo Scarpelli
Voi chiedete la mia opinione sulla vivisezione. Sono abbastanza d’accordo che sia giustificabile per effettuare ricerche reali sulla fisiologia; ma non per una mera dannata e detestabile curiosità. È una questione che mi fa star male per l’orrore, così non dirò altra parola su questo, altrimenti non dormirò stanotte. Charles Darwin
Vivisezione o antivivisezione? Un dibattito attuale che ha una genesi inaspettatamente antica, in grado di appassionare un anziano Charles Darwin e di mobilitare scienziati, medici, scrittori, donne e uomini dell’alta società vittoriana. Le petizioni avverse alla fisiologia sperimentale, l’istituzione di una Royal Commission sulla vivisezione e l’approvazione della prima legge sulla Crudeltà contro gli animali sono alcuni degli elementi che animarono il dibattito su etica e politica nel Parlamento, nelle strade, nelle riviste e nei quotidiani, i luoghi del contrasto e della battaglia culturale. Tanto che nel 1881 le parole di Darwin e gli esperimenti pubblici su due scimmie del dottor Ferrier divennero la causa scatenante di vivaci confronti e manifestazioni. La traduzione di questa raccolta di scritti è un’opportunità per il pubblico di lingua italiana di rivivere il dinamismo culturale di quei tempi e un inedito Charles Darwin; pagine a tratti irriverenti che potranno avvicinare il lettore al tema della vivisezione, così come ai nodi tematici che da esso si dipanano fino ai giorni nostri.
Alessio Cazzaniga è laureato in Filosofia con una tesi su Unamuno, frequenta il dottorato di ricerca in Scienze umanistiche dell’Università di Modena e Reggio Emilia, lavorando sull’impatto della natura americana sulla scienza spagnola tra ’500 e ’600. Si occupa di filosofia e di storia della scienza in ambito iberico. Ha pubblicato El último juego de don Quijote (2012, 8° Annuario della Società di studi su Cervantes).
Fabio Esposito è studioso di storia, collabora con diversi istituti e fondazioni nazionali ed è
membro del collettivo Equipe Sperimentale di Storia con cui ha realizzato Riprendiamo (dal)la Costituzione (2007) ed Emilia rossa 1946-1991 (2012). Ha pubblicato vari contributi in opere collettive e ha collaborato all’edizione del volume di Darwin L’azione dei vermi nella formazione del terriccio vegetale (2012).