Annuncio di bando di assegno di ricerca

Agorà Scienza, Centro Interuniversitario per la comunicazione della scienza e la diffusione della cultura scientifica, bandirà prossimamente un assegno di ricerca di almeno 12 mesi destinato a dottori di ricerca nelle scienze matematiche-fisiche-naturali o nelle scienze sociali e umane. I candidati, di età inferiore ai 35 anni, dovranno avere una solida formazione interdisciplinare, o comunque forti interessi interdisciplinari e interculturali tra



Agorà Scienza, Centro Interuniversitario per la comunicazione della scienza e la diffusione della cultura scientifica, bandirà prossimamente un assegno di ricerca di almeno 12 mesi destinato a dottori di ricerca nelle scienze matematiche-fisiche-naturali o nelle scienze sociali e umane. 

I candidati, di età inferiore ai 35 anni, dovranno avere una solida formazione interdisciplinare, o comunque forti interessi interdisciplinari e interculturali tra le scienze “dure” e le scienze sociali e umane. Il loro lavoro consisterà nel condurre ricerche nel campo della comunicazione della scienza e del rapporto scienza-società, e nel partecipare alle attività del Centro. 

La presa di servizio è prevista per il settembre 2012. Agorà Scienza è un Centro dei quattro Atenei piemontesi (Università di Torino, Politecnico di Torino, Università del Piemonte Orientale, Università di Scienze Gastronomiche) che organizza e svolge azioni di ricerca, alta formazione, comunicazione e supporto didattico. La sua sede è a Torino, in via Po 18. 

 Per maggiori informazioni, il sito web del Centro è: www.agorascienza.it 

In attesa del bando che verrà emanato intorno al mese di aprile 2012, le persone interessate sono invitate a prendere contatto con il Centro Agorà Scienza (0116702739, 2745) per richiedere ulteriori informazioni e/o inviare un proprio CV all’indirizzo: agorascienza@unito.it e infine un bel sito didattico: http://ecopaesaggio.museodizoologia.it/


Titolo del progetto di ricerca: 
I RICERCATORI ITALIANI E LA COMUNICAZIONE DELLA SCIENZA. 
Atteggiamenti, etica e pratiche: survey e casi di studio critici. 

Abstract
 Il progetto appartiene alla tradizione di studi conosciuti come Science-Technology-Society studies e ha l’obiettivo di esplorare atteggiamenti, motivazioni, ostacoli e pratiche dei ricercatori italiani nel comunicare la scienza. Il tema è rilevante poiché, come sottolineato dall’Unione Europea, una buona comunicazione scientifica contribuisce a rendere più competitive le società contemporanee. 
Saranno indagati i seguenti contesti: comunicazione tra campi disciplinari differenti; comunicazione istituzionale e fund raising, comunicazione verso il grande pubblico e nei processi di conflitto e decision making che coinvolgono scienziati e cittadini. 
Lo studio si avvale di più tecniche di ricerca: i dati saranno triangolati a partire da Computer-Assisted Web surveys su un panel di ricercatori delle università e dei centri di ricerca italiani e tecniche qualitative per approfondire specifici casi di studio. 
Saranno prese in esame le seguenti dimensioni: percezioni e rappresentazioni che i ricercatori hanno della scienza, del loro ruolo e dei pubblici; valori etici e responsabilità sociale; pratiche di comunicazione al di fuori della comunità scientifica di riferimento; impatto di variabili come genere e età sull’intero processo. 
Rispetto agli studi di riferimento nel campo Science in Society la ricerca presenta quattro punti di interesse: (i) in Italia mancano ricerche simili e in Europa solo alcuni episodici studi si sono occupati del tema; (ii) il target dello studio è rappresentato dai ricercatori italiani e non dal pubblico; (iii) lo studio adotta un approccio longitudinale, il panel della ricerca sarà una risorsa permanente che permetterà di monitorare i risultati nel tempo; (iv) esperti di Scienze della vita e Fisica fanno parte del gruppo di ricerca. 
Il progetto fornirà dati per una conoscenza più approfondita del tema della comunicazione della scienza e porterà alla formulazione di linee guida per migliorare le pratiche dei ricercatori nel dialogo con la società.