The Evolution & Medicine Review

3961

E’ ormai sempre più evidente che una buona comprensione dell’evoluzione e dei meccanismi alla sua base è fondamentale in numerosi ambiti ed, in particolare, in medicina. La biologia evoluzionistica ci insegna, infatti, come gli organismi patogeni per l’uomo si sono evoluti e come potrebbero rispondere a determinate cure mediche. In particolare, una buona conoscenza della biologia evoluzionistica è fondamentale per una piena

E’ ormai sempre più evidente che una buona comprensione dell’evoluzione e dei meccanismi alla sua base è fondamentale in numerosi ambiti ed, in particolare, in medicina. La biologia evoluzionistica ci insegna, infatti, come gli organismi patogeni per l’uomo si sono evoluti e come potrebbero rispondere a determinate cure mediche. In particolare, una buona conoscenza della biologia evoluzionistica è fondamentale per una piena comprensione dei meccanismi legati all’insorgenza di fenomeni di resistenza di alcuni patogeni ai farmaci.

L’evoluzione ci insegna, infatti, che tutte le volte che introduciamo un nuovo farmaco (ad esempio un antibiotico) i microrganismi colpiti da questa molecola si trovano a vivere in un ambiente con un nuovo tipo di selezione a cui può seguire un processo di adattamento risultante nell’acquisizione della resistenza al farmaco. Questo significa, ad esempio, che oltre all’efficacia, è necessario conoscere di ogni antibiotico il preciso target molecolare ed il modo in cui i microrganismi metabolizzano tale molecola, poiché questi dati ci possono aiutare nel prevedere i rischi di una veloce insorgenza di resistenza.

A dimostrare l’importanza della sinergia tra medicina e biologia evoluzionistica sono recentemente nate diverse riviste dedicate alla “evolution based medicine” ovvero alla definizione di strategie mediche basate sull’evoluzione.

Al panorama delle riviste già attive, si aggiunge ora la rivista  “The Evolution & Medicine Review” dedicata a tutti coloro che lavorano (o sono interessati) all’interfacciare evoluzione e medicina.

La rivista (che si rivolge non solo ad un pubblico di specialisti, ma anche a insegnanti, studenti e curiosi ) pubblica solamente brevi review o perpectives ovvero saggi che fanno il punto della situazione in un determinato ambito o suggeriscono nuove frontiere della ricerca, permettendo al lettore di avere una aggiornata bibliografia sui diversi argomenti trattati.

Per chi fosse interessato a questo argomento, un buon testo introduttivo è stato pubblicato nel 2007 da Gilberto Corbellini:EBM. Medicina basata sull’evoluzione“. Uno degli aspetti che più ho apprezzato di questo testo è che rivede i concetti stessi di malattia e salute mostrando come la malattia non sia necessariamente un difetto a livello di una specifica funzione, quanto piuttosto un’incongruenza fisiologica individuale rispetto a un dato ambiente, a cui l’organismo deve trovare soluzione per ripristinare il precedente adattamento che viene quindi a coincidere con lo “stato di salute”.

Mauro Mandrioli

 

Fonte immagine: sito web Huron SD