Archivio autore: Marco Ferrari

Carnevale della Biodiversità VI – Parenti serpenti

Con grande piacere Oggi Scienza ospita il IV e ultimo (per quest’anno, non temete) Carnevale della Biodiversità. Il tema scelto dal Comitato questa volta, forse ispirato, visto il periodo Natalizio, dal film del 1992 di Monicelli è stato Parenti serpenti. Il tema si poteva leggere in diverse maniere, c’è chi ha voluto parlare dei serpenti nel senso di ofidi, chi

Read more

Carnevale della Biodiversità – Nicchie Estreme

E’ il blog Theropoda ad ospitare la quinta edizione del Carnevale della Biodiversità. Il tema di questa edizione solleticherà tutti gli amanti delle sfide estreme: le nicchie ai confini della vita, gli estremi possibili e attuati dal multiforme frattale plurificantesi della biosfera. Maurizio Casiraghi in Continuo proceso de cambio affronta il concetto di “estremo” rimarcando la sua contingenza “umana, troppo umana”:

Read more

Antibiotici e creazionisti

I batteri sono un bel campo di battaglia, per i sostenitori del creazionismo. Quando gli evoluzionisti spiegano loro che i batteri si evolvono (e se lo fanno loro, perché non gli altri?), i creazionisti ribattono che cambiano solo leggermente, mica sono specie diverse. Quando gli evoluzionisti dicono che per capire come funziona l’evoluzione qui e ora basta guardare in particolare

Read more

Sesso con chiunque?

Sappiamo che la nostra specie, lungi dall’essere puro virgulto di albero immenso sotto di noi, è solo un ramoscello laterale salvatosi per puro caso da immani sfortune e pericoli di estinzione, un po’ come accade a tanti altri animali. Ma che la nostra specie si fosse abbassata ad amori bestiali e turpi, questa è proprio nuova. Eppure il tutto ha

Read more

Non mangiate i pescispada. Ma neppure le sardine…

Allora, che facciamo, diventiamo tutti erbivori? Al di là dell’ironia, è il primo pensiero che viene leggendo un articolo su Science Express, dal titolo ‘Impact of fishing low-trophic level species on marine ecosystem’. L’articolo mette in guardia da una politica che fino a qualche tempo fa sembrava vincente; cioè quella di pescare a bassi livelli trofici in mare. Questo perché

Read more

Chi rimane a casa?

Teoricamente si dovrebbe chiamare “natal philopatry”, cioè la tendenza di un sesso o l’altro a rimanere nei pressi di “casa” della tribù o del gruppo dove sei nato. Le scimmie antropomorfe hanno due modelli di filopatria: rimangono i maschi o le femmine o si spostano entrambi. Si comportano nel primo caso scimpanzé, bonobo e altre specie, mentre nei gorilla entrambi

Read more

Estinzioni ed evoluzione

Una nuova prospettiva sulle estinzioni viene da un lavoro pubblicato su Plos biology. E promette di far ripensare al problema anche da un punto di vista evolutivo. Fino ad ora, i criteri per definire in pericolo una specie erano, per così dire, statici. Se la popolazione era piccola o viveva in un’area ristretta era necessario tenerla d’occhio perché prima o

Read more

Riscoprire le ali

L’ultimo numero di Nature pubblica una notizia, che giudico estremamente interessante. Per molti motivi. Vediamo: prima di tutto riguarda i Membracidi. Se non sapete cosa sono, guardate la foto qui sopra. Qui c’è anche un pdf con un servizio fotografico su questi animali. Quello che caratterizza questi animali è l’espansione del primo segmento del torace (T1), espansione che gli entomologi

Read more

No NOMA

Allora, decidiamoci. Il mai abbastanza compianto Stephen Jay Gould aveva proposto, qualche anno fa, la teoria dei Noma (Non overlapping magisteria). Secondo questa idea, scienza e religione sono mutualmente compatibili solo e soltanto se l’una non entri nel campo di influenza dell’altra. Ha sviluppato i tutto in un saggio per la rivista Natural history e poi nel libro ‘Rock of

Read more

Paura della morte e disegno intelligente

Sapete perché molti americani (e De Mattei) credono che l’evoluzione sia sbagliata, e che il disegno intelligente sia una spiegazione logica della complessità dell’universo? Perché hanno paura della morte. È una conclusione cui sono giunti alcuni psicologi canadesi (Jessica Tracy, Joshua Hart e Jason Martens) che dicono che, messe di fronte a paure esistenziali (come quella della morte – un

Read more

Sempre prima

Fino a qualche tempo fa si pensava che i primi uomini a entrare in Nord America fossero rappresentanti della cosiddetta “cultura Clovis”. Erano arrivati, in varie ondate, a partire da circa 13.000 anni fa, attraversando lo stretto di Bering ed entrando in un continente freddino anzichenò. Da lì si erano spinti verso sud, popolando prima il Nord America poi il

Read more

Wikipedia cialtrona

Wikipedia è un’enciclopedia libera e liberamente modificabile. Ma specie in alcune voci si vede che è il liberamente è inteso un po’ troppo… liberamente. Basta andare a controllare le voci che riguardano Alexander von Humboldt, Lamarck e Darwin per scoprire che tutti e tre si sono laureati (Darwin si è solo diplomato) in periodi diversi, in scienze biologiche, in varie

Read more

Radio Maria: “La tragedia del Giappone? E’ il giusto castigo di Dio”

Non sempre si riesce ad immaginare quali possano essere le estreme conseguenze di un ragionamento che parte da un VERO “creazionismo”: ci sono molti cattolici che un po’ traggono in inganno, in quanto cercano di conciliare evoluzione e creazionismo. Altri invece, come l’attuale vicepresidente del CNR Roberto De Mattei o mons. Mazzella (vescovo in Calabria nel 1908), non amano affatto

Read more

A capofitto verso le estinzioni

Su Nature è uscito un bell’articolo che articolo dimostra molte cose, sia dal punto di vista della gravità della situazione sia da quello della comunicazione. Il suo titolo è significativo: Has the Earth’s sixth mass extinction already arrived? Va sotto il nome di review, cioè di revisione di altri articoli, con contributi di solito limitati a discussione e rielaborazione di

Read more
1 2 3 4 9