Archivio autore: Marco Ferrari

Un cactus con le zampe

Se l’importanza dei gruppi animali (phyla, cladi, chiamateli come volete) si misurasse in base al numero di specie, questa scoperta dovrebbe essere su tutti i giornali. Ma poiché noi uomini siamo il rametto finale di un cespuglio secondario, nessuno ne parla. Dunque, alcuni ricercatori cinesi hanno trovato in un lagerstatte, quello di Chengjiang. La nuova specie (nell’immagine), di dimensioni minuscole,

Read more

Cinquina finalista del Premio Galileo 2011

C’è spazio per tutti. Il grande racconto della geometria, di Piergiorgio Oddifreddi, (Mondadori 2010). Il libro ricostruisce la storia della geometria che si sovrappone ala storia del cammino della civiltà. Dallo Sri Yantra, un antico e misterioso oggetto di culto indiano fino all’arte contemporanea, dove scopriamo la struttura nascosta nei singolari dipinti di Salvador Dalì, o nell’arte astratta di Kandinsky

Read more

Agricoltura elementare

Un altro aspetto della nostra civiltà, della nostra specie è stato scoperto anche in altre specie. Questa “invenzione” umana è l’agricoltura; beh, diranno i più avveduti di voi, è già stata scoperta nelle formiche, nelle termiti e anche alcuni coleotteri (per esempio gli ambrosia beetle, li chiamano gli inglesi). L’ultima scoperta invece descrive un comportamento simil-agricolo in una specie di

Read more

Di uomini e squali

La storia dell’evoluzione si dimostra sempre più simile a un artista che utilizza i pochi strumenti messi a disposizione dalle mutazioni o da altri “generatori di diversità genetica” per creare forme sempre nuove e diverse. Con innumerevoli tentativi ed errori, ma certo con un modello di sviluppo lontano da quello che si pensava qualche tempo fa, in cui i geni

Read more

1 femmina, 5 maschi

Il comportamento animale, visto dai mezzi di comunicazione, sembra un’unione tra un approccio pavloviano (tipo stimolo/risposta) e lorenziano (tipo istinto/imprinting). Eppure a ben guardare ogni specie ha un intero universo di comportamenti che non si limitano a elasticità individuale (di questo parleremo in un altro momento), ma anche a strategie diverse, geneticamente determinate e intricate da capire all’interno di ogni

Read more

Cambio di ruoli

Una delle strutture biologiche che più hanno fatto scervellare gli evoluzionisti sono gli “occhi finti” sulle ali degli insetti, in particolare delle farfalle. Secondo spiegazioni che sanno molto di “folk evolutionism” alcuni ritengono che servano semplicemente a spaventare i predatori o, al contrario, a mimetizzarsi, altri che abbiano una funzione di corteggiamento. Insomma, sono un adattamento che non ha ancora

Read more

In Africa un elefante. Anzi due

La notizia in sé è nota da anni, tanto che le guide alla fauna africana più aggiornate elencano due specie di elefanti. Ma la ricerca svela anche alcuni particolari molto peculiari delle due specie. Comparando il Dna dei due elefanti africani (Loxodonta africana e L. cyclotis, l’elefante di savana e quello di foresta), quelli dell’elefante indiano e di due specie

Read more

Quando l’ossigeno importa

La prima ricerca viene dal Mit: si parte dal presupposto che non possono esistere fossili che risalgono a oltre 540-560 milioni di anni fa (il momento della cosiddetta Esplosione cambriana, un momento fondamentale nella storia della vita sulla Terra, quando la biodiversità aumentò rapidamente. Anche se non abbastanza rapidamente da far pensare a un atto di creazione, aggiungo). L’unico modo

Read more

Carnevale della Biodiversità – Infine forme bellissime

E’ un onore poter ospitare qui questo “numero zero” della rassegna, poiche’ i contrubuti della bio-blogosfera italiana sono stati tutti di livello altissimo. Colgo anche l’occasione per ringraziare tutti coloro che ci hanno chiesto in ritardo di partecipare e che sfortunatamente non hanno trovato spazio; io, gli altri organizzatori e (spero) i lettori del carnevale aspettiamo con ansia di leggere

Read more

Il Carnevale della Biodiversità – bando

Il 15 Dicembre c.a., a conclusione del 2010, anno internazionale della biodiversità, partirà un’iniziativa tra i più prestigiosi blog naturalistici italiani per continuare a sottolineare l’importanza del tema in oggetto, sia all’interno della comunità scientifica sia tra il pubblico. La prima edizione del Carnevale della Biodiversità avrà come tema: “INFINITE FORME BELLISSIME”, tema che i vari Autori svilupperanno con varie

Read more

Quando i mammiferi divennero grandi

La questione è controversa, proprio perché sembrava ovvia. La storia va così: dopo l’estinzione dei dinosauri, circa 65-64 milioni di anni fa, il loro posto fu preso dai mammiferi che “occuparono” molte delle nicchie ecologiche lasciate libere. Poiché i dinosauri erano grandi e grossi, anche i mammiferi che li sostituirono erano grandi o grossi. Chiaro no? Non del tutto, perché,

Read more

I pennacchi del dottor Pangloss

Secondo appuntamento con “Voglia di Scienza“, il ciclo di conferenze scientifiche organizzate da Sinistra Universitaria all’Università degli Studi di Milano Mercoledì 17 novembre 2010, ore 14.30Università degli Studi di Milano, Via Celoria 20Aula G22 – Settore Didattico – Città Studi I PENNACCHI DEL DOTTOR PANGLOSSConferenza sotto forma di intervista sull’evoluzionismo Intervengono:Prof. Marco Ferraguti, docente di evoluzione biologica di UNIMIDott. Marco

Read more

E’ morto Leigh Van Valen

Era una delle persone meno note ma più geniali, per quel che si può giudicare dai risultati, della biologia moderna. Leigh Van Valen è morto sabato inseguito a complicazioni derivate da una rara forma di leucemia. È poco noto anche perché, nonostante contribuisse a parecchi newsgroup di paleontologia, non era un evoluzionista “vocale”. Cos’ha fatto Van Valen? Ha proposto l’ipotesi

Read more

Ottobre di fuoco

Ecco i convegni e i partecipanti. Al primo, previsto per il 22 ottobre a Roma, partecipa l’augusto* vicepresidente del Cnr, De Mattei, Ferdinando Catalano, un fisico e ricercatore nel campo dell’ottica oftalmica per i creazionisti, Roberto Verolini e Aldo Piombino per gli evoluzionisti. Sui primi due non mi pronuncio (sono figure talmente modeste intellettualmente che non voglio sprecare gli elettroni per descriverli)

Read more

Sull’infedeltà femminile

Il primo* spiega il perché dei “tradimenti” delle femmine di diamanti di Gould (Erythrura gouldiae). Secondo gli autori, se è chiaro perché i maschi si dedicano alla copulazione fuori dalla coppia, tutto ciò non era invece evidente per le femmine. Poiché la specie si presenta in due varianti di colore diverse, e la fitness è maggiore se si accoppiano maschi

Read more
1 2 3 4 5 9